• Pin It

Alla scoperta della Chicago di Frank Lloyd Wright

Chicago è famosa per le sue architetture, che dai primi grattacieli in poi hanno sempre rappresentato una frontiera d’avanguardia; e l’architetto più celebre della Windy City è molto probabilmente Frank Lloyd Wright, conosciuto anche da chi non è del settore ma apprezza l‘architettura e l’arte moderna.

Vi propongo una visita tematica a Chicago sulle tracce dell’architettura di Frank Lloyd Wirght: il tema architettonico può essere il filo conduttore di un intero viaggio, oppure può essere un ottimo pretesto per passeggiare, curiosare, scoprire lati inaspettati di una città, provare ad immaginare la vita che si svolge negli edifici.

Dedicate almeno una giornata alla visita del Loop di Chicago, il cuore cittadino, centro geografico, culturale economico e commerciale della città. Vi perderete ad ammirare le grandi strade brulicanti di vita, sopra a cui passa la EL, il treno urbano sopraelevato che costituisce il modo migliore per spostarsi con il trasporto pubblico; poi puntate il naso all’insù e godetevi il panorama dei grattacieli svettanti contro il cielo blu.

Nel Loop si concentrano la maggior parte degli edifici storici della Scuola di Chicago, realizzati da architetti come Burnham and Roots e Adler and Sullivan, e proprio nello studio di questi ultimi due Wright iniziò la sua carriera professionale. A testimonianza di questo periodo, in cui il grande architetto era ancora legato alla Scuola di Chicago e al movimento arts and craft, entrate all’interno del Rookery Building (209 LaSalle Street) per ammirare l’atrio luminoso con la copertura in vetro e metallo, la grande scala centrale, le decorazioni naturalistiche.

l'atrio del Rookery Building

Frank Lloyd Wright ha costruito tantissimo soprattutto nel sobborgo di Oak Park, un quartiere residenziale tranquillo e molto verde ai margini della metropoli: qui si trovano molte delle ville progettate dall’architetto nella prima fase della sua carriera e anche la casa-studio dove lavorava e viveva con la sua famiglia. La casa-studio di Wright (951 Chicago Avenue) è oggi un museo ed è visitabile tutti i giorni: le guide, volontari della fondazione che si occupa di conservare gli edifici di Wright nel quartiere, vi mostreranno le stanze della casa, spiegando le soluzioni pensate dall’architetto per la sua famiglia e raccontando la storia dell’edificio.

casa-studio di Frank Lloyd Wright: l'accesso allo studio

Nel piccolo centro di Oak Park, proprio di fronte alla biblioteca pubblica, si trova lo Unity Temple (875 Lake Street), una piccola ma sorprendente chiesa con un unico spazio centrale, raccolto e accogliente, e bellissimi giochi di luce creati dalle vetrate; Wright progettava anche gli arredi dei suoi edifici, come le panche e le lampade geometriche di questa chiesa. Le visite non sono guidate, ma il pastore della comunità è gentilissimo e disponibile a fornire informazioni e a rispondere alle domande dei curiosi.

Passeggiando per Oak Park godetevi l’atmosfera del luogo, le case in legno, i giardini curati, e date un’occhiata (da fuori, è una casa privata!) anche alla Moore House (333 N Forest Avenue), una delle prime abitazioni progettate da Wright, in stile molto tradizionale, che è stata poi ripudiata dall’autore, che addirittura si rifiutava di passarci davanti e che la definì ripugnante.

Se siete lettori appassionati di Ernest Hemingway, prima di lasciare Oak Park fate una visita alla casa natale del grande scrittore (339 N Oak Park Avenue), oggi diventata un museo gestito da una fondazione senza fini di lucro.

Infine concludete il mini-tour dedicato a Frank Lloyd Wright visitando l’unica altra abitazione visitabile di Chicago (oltre alla casa-studio), la Robie House (5757 S Woodland Avenue), la villa-capolavoro che costituisce l’esempio più compiuto di Prairy House, con le sue linee orizzontali in armonia con il paesaggio della prateria tipico dell’Illinois.