• Pin It

Alcuni trucchi per vivere low cost a Londra: intervista a due italiani in trasferta

Ho conosciuto Eleonora e Fabio ai tempi dell’Università e ho condiviso con loro parecchie cene e uscite nella Pisa degli studenti e pomeriggi a base di angosce pre-esame e partite infinite di Risiko. Faccio quasi fatica a chiamarli con il loro vero nome: li ho sempre identificati con i loro soprannomi e ci siamo salutati poco più che ragazzi, quando hanno deciso di trasferire la loro residenza fuori dall’Italia per approdare a lidi più stimolanti e ricchi di opportunità. Si parla, manco a dirlo, della patria della regina con i cappelli più stravaganti al mondo, del fish&chips, degli eterni rivali Beatles e Rolling Stones… insomma, avete capito: andiamo a Londra per intervistarli!

Eleonora e Fabio

Chi meglio di due studenti un tempo squattrinati può raccontarci come è possibile sopravvivere con pochi Pounds in una giungla metropolitana?

1) Presentatevi ai lettori e raccontateci i motivi che vi hanno spinto a trasferirvi a Londra

Mi chiamo Eleonora, sono Ligure e laureata da due anni in Cinema, Teatro e produzione multimediale all’Università di Pisa. Fabio, il mio compagno di avventure da sei anni, è Sardo e ha una laurea in Informatica sempre all’Università di Pisa (la città che ci ha fatto conoscere).
Abbiamo deciso di partire pochi giorni dopo la mia laurea, nel novembre 2010. Inizialmente le ragioni erano semplici: trovare lavoro (qualsiasi) e imparare così l’inglese e poi chissà… Sono decisioni che capisci nel tempo che saranno definitive. Più il tempo passava e più le motivazioni si facevano sempre più serie e delineate nelle nostre teste: un futuro! Niente di più semplice. Ma purtroppo questa prospettiva di stabilità in Italia è Utopia. E sinceramente, quando cominci a capire e entrare nella mentalità all’INGLESE è difficile ritornare…

St Paul's Cathedral

2) Londra è costosa? Quali sono le spese più grandi da affrontare?

Sì e no, non si può intanto ragionare in EURO e non possiamo paragonare lo stile di vita londinese con quello italiano. E’ ovvio che dal punto di vista del turista la vita è cara e molto, ma per chi vive qui è tutto in proporzione con gli stipendi, mediamente buoni. Poi Londra è come un Mondo a sè, la vita al di fuori dei suoi confini è assolutamente “nella norma”. Ma se proprio volete sapere le spese FOLLI da affrontare, sicuramente i Trasporti, la metropolitana in primis, gli affitti e la vita brava.

Londra durante i giochi olimpici

3) Avete scovato qualche locale low cost interessante (ristoranti, pub, ecc)

Nei Pub non ci sono grosse differenze, hanno tutti gli stessi prezzi per le birre e il cibo (una Pinta va dai 4 ai 5 pound). Per i ristoranti il discorso cambia, si va davvero da un eccesso all’altro, e di Paese in Paese, sperimentare è la parola d’ordine. Noi abbiamo scovato un graziosissimo Noodle Bar nel cuore di Greenwich, economico e delizioso. E i piatti sono per quelli di buona forchetta! Il Fish and Chips più buono l’abbiamo mangiato da Kerbisher & Malt in Shepherd’s Bush Road, la miglior carne al ristorante Curdo Mangal 1 Ocakbasi in Arcola road nell’est di Londra, i migliori panini li mangiamo da Pret a Manger, l’ideale per un pranzo da turista, i dolci migliori li troverete da Maison Blanc o Patisserie Valerie, ma la miglior Pizza la stiamo ancora cercando! Se siete curiosi e vi piace la Cucina il colorato e internazionale quartiere di Soho è un bel punto di partenza e in pieno centro.

London's bridge

4) Divertimenti low cost che consigliereste a una persona in viaggio per un week-end a Londra?

Un weekend a Londra non è assolutamente sufficiente, logisticamente è un massacro, ma se qualcuno è tanto coraggioso allora consigliamo delle comode scarpe da passeggio, una borsa capiente e una macchina fotografica sempre a portata di mano. Il lungo fiume, zona conosciuta come Southbank, è animata tutto l’anno da artisti di strada, e sotto Natale c’è un bellissimo mercatino, partirete da Westminster e passerete sotto la ruota, la OXO tower, la meravigliosa cattedrale di Southwark, il Globe, la TATE modern, il nuovissimo Shard e arriverete trionfanti al Tower Bridge. I musei più conosciuti e visitati sono gratuiti, almeno che non si voglia lasciare un’offerta e comprare la guida. Il bello di questa città è che ad ogni angolo c’è qualcosa che vi colpisce, qualcuno che vi sorprende, un dettaglio, un palazzo. Un museo a cielo aperto.

London Eye

5) Vestirsi a Londra può essere low cost?

Vestirsi a Londra è Low Cost. Sfatiamo un luogo comune!
Dai negozi ai mercatini settimanali, basta avere pazienza e naso per le offerte.

6) Una meta davvero different a Londra?

Different è sicuramente la passeggiata lungo fiume che nessuno fa perché non si trova nelle classiche guide e cioè da Putney Bridge a Chiswick o Richmond se siete proprio impavidi. Ciò che ci fa sorridere pensando a cosa potrebbe essere different a Londra, è il semplice fatto che la stessa Londra a essere totalmente Different!
Abbiamo divagato un pò, avremmo voluto dirvi tante altre cose!
Speriamo di avervi fatto venire voglia di visitare questa splendida città che non finisce mai di sorprenderci!

Eleonora e Fabio

Ringrazio Eleonora e Fabio per questa interessante e utile intervista! A presto!