• Pin It

Il Trenino Rosso del Bernina

foto di Valentina Cappio

E’ forse il percorso ferroviario più bello del mondo. Con partenza da Tirano, in Valtellina, raggiunge in poco più di due ore la blasonata St. Moritz, percorrendo 61 km di scenari mozzafiato, sia in inverno che in estate.
Non è un caso, infatti, che nel 2008 sia stato nominato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.prom dresses on sale,cheap christian louboutin,ralph lauren outlet uk,louis vuitton outlet,michael kors uk

E come potrebbe essere altrimenti? Immaginate di essere neotericdesign post on  cullati dal dolce rullio di un treno che si arrampica fino a oltre i 2.000 d’altezza. Immaginate il silenzio ovattato e la magia della natura che sembra avvolgere lo sguardo. Immaginate panorami che cambiano ad ogni curva e che, ad ogni curva, lasciano senza fiato… Distese di neve bianca o di fiori multicolori, a seconda della stagione, vallate Ralph Lauren Womens Polo Shirts  fiabesche, boschi magici, ghiacciai imponenti e vette altissime.

foto di Valentina Cappio

Il Trenino Rosso del Bernina parte dalla stazione retica di Tirano, a quota 429 m.s.m, e attraversa il suo centro quasi come se fosse un tram. Dopo pochi chilometri, raggiunge il viadotto elicoidale di Brusio, una meravigliosa opera d’ingegneria che permette al trenino rosso di superare una pendenza del 70 per mille!
Attraversando la bellissima Valposchiavo e costeggiando il suo lago, sale – fra boschi, vallate e scenari meravigliosi – fino ad Ospizio Bernina, il punto più alto toccato dal trenino (2.253 metri di altezza), per poi ridiscendere verso St. Moritz.

21 sono le fermate intermedie lungo il tragitto, ognuna delle quali nasconde un piccolo angolo di paradiso.
Poiché il trenino rosso permette ai viaggiatori di salire e scendere a piacimento, vale la pena programmare qualche sosta prima di arrivare a St. Moritz .

Potreste, ad esempio, fermarvi ad Alp Grüm, a quota 2.090 mt, con vista spettacolare sul ghiacciaio Palu.
Oppure ad Ospizio Bernina, da dove poter ammirare il massiccio Bernina, il Ghiacciaio Cambrena e gli spettacolari Lago Bianco e Lago Nero.

foto di Valentina Cappio

Un’altra escursione da non perdere è quella di Morteratsch: di fronte alla piccola stazione del trenino rosso comincia il sentiero che raggiunge il meraviglioso ghiacciaio di Morteratsch. Il sentiero è percorribile in
un’oretta ed è adatto anche ai bambini. Per rifocillarvi dopo la bella passeggiata, sosta all’Hotel Ristorante proprio dietro la stazione.

Oppure potreste fermarvi a Pontresina e salire a bordo di una romantica carrozza trainata dai cavalli, per un’escursione nella fiabesca Val Roseg (partenze ed arrivi della carrozza proprio dalla stazione).

Insomma, quello del Trenino Rosso è un piccolo viaggio da fare almeno una volta nella vita. Perché, mai come questa volta, non è tanto importante la meta, quanto il percorso.

foto di Valentina Cappio

Consigli pratici:

- Partite con uno dei primi treni della mattina, alle 8.50 o alle 9.40, in modo da avere tutta la giornata davanti per poter esplorare qualcuna delle 21 fermate intermedie che separano Tirano da St. Moritz.

- Se potete, fermatevi quante più volte possibile, tenendo bene a mente gli orari per il ritorno.

- Prima di acquistare il biglietto, decidete se volete viaggiare al bordo del treno panoramico (detto anche Bernina Express) o del treno regionale. Entrambi coprono esattamente la stessa tratta. La differenza sta nelle carrozze e nel prezzo; il treno panoramico ha vetrate a cupola che permettono di ammirare meglio il panorama. Richiede la prenotazione obbligatoria, per cui è più caro. Il treno regionale ha finestrini normali e permette di salire e scendere a piacimento, avendo la libertà di salire sul treno successivo. Il panoramico, invece, essendo a prenotazione obbligatoria, permette di fermarsi lungo il percorso ma poi bisogna necessariamente proseguire con un regionale, a meno di non acquistare una nuova prenotazione per il Bernina Express successivo.

- Il biglietto può essere acquistato online sul sito della Ferrovia Retica (http://www.rhb.ch/Home.1643.0.html?&L=1), oppure direttamente in stazione.