• Pin It

Mangiare a Roma: qualche alternativa “different”

Se siete dei turisti a Roma, probabilmente, bazzicherete principalmente il centro storico. Questo non vuol dire che non valga la pena spostarsi un po’ verso la periferia (intesa in senso lato, visto che con l’espansione della città molti dei luoghi che sto per citarvi possono tranquillamente essere ritenuti centrali) per assaggiare alcune “specialità” degne di nota.

 

Il tiramisù di Pompi

Il primo posto che vi segnalo è il più centrale e sicuramente il più famoso… facile che ne abbiate già sentito parlare.

In zona Re di Roma, in particolare in via Albalonga, troverete il Bar Pompi detto anche “il regno del tiramisù”; c’è poco da fare… il nome se lo merita tutto :)

Il tiramisù è veramente spettacolare e lo potrete capire prima di assaggiarlo solo vedendo la quantità impressionante di persone e macchine in doppia fila che affollano il locale a qualunque ora.

Il mio preferito è il tiramisù classico (mi raccomando, a costo di sembrare rompi*** chiedete un’aggiunta ulteriore di scaglie di cioccolato fondente), ma per chi ama variare c’è anche la versione alla fragola, ai frutti di bosco e quella banana e cioccolato.
Visto che ci siete potete valutare di fare un aperitivo; prezzi nella media e buffet abbondante.

Per i suddetti problemi di parcheggio scegliete di andare in metro: la fermata Re di Roma della linea A è a 50 metri!

Tiramisù di Pompi

Il gelato da Fassi

A Roma di buone gelaterie ce ne sono molte, ma io ho da sempre una certa predilezione per Fassi.

Il “Palazzo del freddo” (via Principe Eugenio, zona Piazza Vittorio) è una gelateria storica fondata nel 1928 da Giovanni Fassi in un enorme edificio ed offre moltissimi gusti di ottima qualità!

Ad entrarci oggi il locale sembra un po’ spoglio, molto in stile primo ’900 con ambienti enormi e dispersivi e tante stampe d’epoca in cui si pubblicizzava il “telegelato” di Fassi spedito anche al di fuori dell’Italia :D .

Tempo fa ho scoperto che Fassi era anche la gelateria preferita dei miei nonni quando andavano a Roma cinquant’anni fa… che sia un vizio di famiglia? :)

Per raggiungere Fassi potete fare una breve passeggiata dalla Stazione Termini oppure prendere la metro fino alla vicina fermata della linea A “Vittorio Emanuele”.

Una delle stampe d'epoca al "Palazzo del freddo"

Le fettuccine ai funghi porcini dall’Idillio

Da Piazza Vittorio ci spostiamo al Pigneto un quartiere un tempo degradato (Pasolini ci ambientò “Accattone”) che oggi è stato riqualificato ed è diventato uno dei centri della movida romana.

Nel quartiere sono sopravvissute alcune trattorie tradizionali che oggi, passate in gestione dai padri ai figli, si propongono come ottime alternative per la cena.

Tra tutte mi sento di segnalarvi “L’idillio” (via Augusto Dulceri 29) e in particolare suggerirvi le fettuccine ai funghi porcini :)
La pasta è fatta in casa e i funghi sono davvero abbondanti… se siete dei gran mangiatori vi invito ad ordinare la porzione “idillio” ancora più grande di quella standard (già abbondante di suo).

In realtà il loro piatto più famoso sono le fettuccine alla gricia (anche queste disponibili nella porzione idillio per il Bud Spencer che è in voi :) )… ma io ho un debole per i porcini!

Prezzi modici, ambiente familiare e sempre affollato; prenotare in anticipo è cosa buona e giusta!

 

Il kebabbaro di Arco di Travertino

Oddio, il nome di questa sezione è un po’ rozzo, ma penso possa essere considerato il nome ufficiale del luogo che sto per suggerirvi :)

Si perché il “kebabbaro di Arco di Travertino” (Ali Babà Kebab, Via Carroceto 96) è considerato all’unanimità quello che fa il miglior kebab di Roma.

Aperto a tutte le ore lo troverete sempre affollato soprattutto per un kebab fuori orario, tipicamente di notte. Offre molte varianti di kebab e potete scegliere la dimensione tra piccola, media e grande.

Come detto, oltre alla ottima qualità della carne, è consigliassimo per spuntini fuori orario, quando difficilmente trovereste altri locali aperti. Raggiungibile in auto (c’è un parcheggio abbastanza grande), in metro (linea A fermata Arco di Travertino) oppure con l’autobus notturno N1 se la metro è chiusa.

Consigliatissimo! :)

 

E voi, avete altri luoghi “different” da suggerire?