• Pin It

Bilbao: l’arte del Guggenheim e i pinchos delle siete calles

museo guggheneim bilbaoMuseo Guggenheim – foto di los3gatto

Era l’estate del 2009 quando con il mio compagno e tre amici abbiamo affittato un camper per partire all’avventura alla volta del Spagna del Nord. Roma, Aix en Provence, Biarritz, San Sebastian, Santander, Bilbao, Gijon, La Coruña, Santiago de Compostela, Pamplona, Saint Rémy de Provence e di nuovo Roma. Queste le tappe che abbiamo fatto in due settimane di viaggio on the road, circa 5.000 i chilometri totali. E’ stato un viaggio difficile e stancante, soprattutto a causa del mezzo scelto: girare in camper non è il massimo della comodità, soprattutto se si è inesperti (come lo eravamo noi). Nonostante tutto è stata una bella vacanza, abbiamo visto un sacco di posti e ci siamo divertiti parecchio.

Una città che mi è piaciuta particolarmente è Bilbao, nei Paesi Baschi. Il Guggenheim è la principale attrattiva della città, ed effettivamente il museo val da solo una tappa. E’ stato il mio primo Guggenheim e ne sono rimasta affascinata. L’edificio, progettato dall’architetto canadese Frank Gehri, è una vera opera d’arte ricoperta da trentatremila lastre di titanio. La forma ricorda quella di una nave e le lastre le squame di un pesce.
Il museo ospita bellissime mostre itineranti d’arte contemporanea e opere appartenenti alla fondazione Guggenheim.

pinchosPinchos – foto di flydime

La città di Bilbao ha inoltre un bellissimo centro storico che consiglio di girare in bicicletta. Famose sono le siete calles, le sette vie che formano l’antico centro, punto d’incontro dei giovani baschi che prima di cena gustano grandi quantità di pinchos (le tapas dei Paesi Baschi) serviti nelle tipiche tascas (taverne).
Non mancano, sempre nel centro storico, ristoranti che offrono ottimi piatti tradizionali e locali dove ascoltare musica dal vivo, ballare o semplicemente bere una birra e fare quattro chiacchiere.