• Pin It

5 dritte per godersi Oslo

Oslo è una città strana, mi ha fatto un effetto particolare, una sensazione di benessere, pace e tranquillità che nessun’altra città mi ha fatto. Perciò, dovendo parlare di viaggi al nord, il mio pensiero è andato subito alla capitale norvegese.

Ecco 5 suggerimenti per godervi questa piccola capitale del nord…

Navi, navi, navi…

Il titolo di questo paragrafo vi dovrebbe far capire quanto le navi e la marina siano parte integrante della vita norvegese e, in particolare, di Oslo.

Sul molo troverete attraccate decine e decine di barche più o meno piccole, ma quello che vi sorprenderà di più sono i tanti musei dedicati a imbarcazioni, navigatori o imprese marine. Vediamoli con ordine:

  1. Museo Fram: è il più imponente di tutti i musei “navali” visto che conserva la famosa rompighiaccio Fram, quella che venne utilizzata nell’impresa di Roald Amundsen verso il Polo Sud. Il museo non mi ha fatto impazzire, ma è un must di Oslo, quindi andarci è quasi un obbligo morale!
  2. Museo delle navi vichinghe: qui le protagoniste sono tre antiche navi vichinghe ritrovate praticamente intatte. Decisamente più interessante del precedente, colpisce per la sensazione che si ha stando a due passi da navi così antiche.
  3. Kon-Tiki Museum: il mio preferito! non tanto per il museo in se, ma per la storia dell’esploratore a cui è dedicato, Thor Heyerdahl. Non ve lo perdete per nessun motivo!
  4. Museo della marina: solo per veri appassionati! Tutta la lunga storia della marina norvegese, dalle petroliere ai pescherecci. Valutate attentamente se visitarlo, ma se siete dei veri lupi di mare non potete farvelo sfuggire! :)

Museo Fram (foto di Nathan Wind as Cochese - Flickr)

Parco di Vigeland

Quando è bello questo parco? Un vero e proprio spettacolo! Si tratta di un grande parco dedicato all’omonimo scultore norvegese e completamente ornato con le sue opere.

Le statue sono davvero tante, una più strana dell’altra! Dall’uomo che lancia un bambino alla colonna composta di corpi intrecciati.

D’estate il posto è vivissimo con gente che fa picnic, prende il sole, gioca a pallavolo e si rilassa, ma scommetto che anche coperto di neve in inverno abbia un suo fascino particolare.

Passeggiata obbligatoria!

 

Statua al parco di Vigeland (foto di o urso azul - Flickr)

Arte e cultura

Dico Oslo e pensate a Munch! e io invece vi dico di non andare al Museo Munch…a mio avviso è costoso e, essendo esclusivamente dedicato all’artista norvegese, un po’ noioso.

Invece andate alla Galleria Nazionale, potrete vedere opere di Munch (tra cui l’Urlo di cui c’è una delle 3 versioni) ma anche quelle di tanti altri artisti norvegesi e europei più o meno famosi (c’è anche una bella collezione con i più importanti impressionisti).

Infine, anche solo per poter entrare nel bellissimo edificio che la ospita, non fatevi mancare un concerto alla stupenda ed avveniristica Opera House.

Relax

Lo so che vi ho già parlato di un parco, ma ad Oslo è pieno di spazi verdi che d’estate vengono presi d’assalto dai locali che armati di stuoie e asciugamani si allungano un po’ ovunque a prendere il sole.

Voi fate lo stesso: comprate un gelato, toglietevi la maglia che portate per l’umida e fredda serata e godetevi il tiepido sole pomeridiano…dove sta scritto che quando siamo in vacanza dobbiamo sempre andare ad esplorare la città?

 

Birra norvegese

Bere e mangiare

Per chiudere vi lascio con due dritte per bere e mangiare.

Partiamo dai drink: in una città in cui tutto è caro le birre costano come in Italia (o poco di più). Fare una sosta per un aperitivo non è una brutta idea e soprattutto non vi svenerà…tenetelo a mente! :)

Per mangiare, invece, Oslo offre molte opzioni: si va da tutti i tipi di pesce (crostacei, zuppe di pesce, salmone e chi più ne ha più ne metta) fino a tante varietà di carne (ad esempio le renne).

Io vi consiglio di sperimentare, molti cibi non avrete la possibilità di mangiarli in Italia quindi non fatevi sfuggire questa opportunità…

Niente Mac Donald, puntate decisamente sui ristoranti sul molo: vi costerà di più ma mangerete qualcosa di speciale!

Insomma, vi ho preparato un piccolo “Bignami” di Oslo, che aspettate a visitarla per farmi sapere se vi è piaciuta? :D