• Pin It

Alcuni accorgimenti per viaggiare da soli in sicurezza

Stare per un’ora a contemplare l’orizzonte seduto su un molo con le gambe a penzoloni che sfiorano l’acqua, camminare per ore per le vie di un paese sconosciuto fino a quando non se può più. Libertà. Di fare quello che si vuole, quando si vuole e come si vuole…

(Foto tratta dall’album di Josef Grunig su Flickr)

Chi viaggia da solo conosce fin troppo bene la sensazione di euforia che contagia ogni cellula del corpo quando si è padroni delle proprie scelte.
Ma sa anche che esiste l’altra faccia della medaglia. Non mi riferisco alla solitudine (una delle regole del viaggiatore solitario è imparare a stare bene con sè stessi e le occasioni di contatto con altra gente non mancano di certo in giro per il mondo!) ma ad alcune precauzioni che è opportuno prendere al fine di ottenere la massima sicurezza possibile.

Nei forum, nei travel blog e nei siti di viaggi si trovano ottimi consigli al riguardo e di seguito ho cercato di fare un elenco di quelli che ritengo indispensabili. Per i viaggiatori “zaino in spalla” probabilmente ci saranno anche delle indicazioni scontate ma questo piccolo Vademecum per viaggiare sicuri è rivolto specialmente a coloro che non hanno ancora provato l’emozione del viaggio in solitaria.

(Foto tratta dall’album di Carson Fu su Flickr)

PRIMA DELLA PARTENZA

  • Sia che viaggiate in gruppo, in coppia o da soli, se vi recate all’estero è sempre buona abitudine leggere le informazioni ed i consigli del sito della Farnesina Viaggiare Sicuri e registrarsi su Dove Siamo nel Mondo in modo da permettere alle Unità di Crisi in caso di emergenze gravi come calamità naturali, attentati terroristici o evacuazioni, di intervenire nel modo più efficace e portare soccorso (le informazioni vengono cancellate automaticamente due giorni dopo la data di fine viaggio indicata e vengono utilizzate solo in caso di necessità)
  • annotarsi l’indirizzo dell’Ambasciata o del Consolato italiano (in caso di smarrimento di documenti o altri tipi di problemi). Può sembrare una precauzione eccessiva ma è una precauzione che costa veramente pochissimo sacrificio…

 

IL BAGAGLIO

  • nelle biglietterie delle stazioni dei treni, degli autobus e all’aeroporto tenete sempre lo zaino o la valigia tra i piedi. Ricordatevi che non ci sono altre persone che possono tenerveli sotto controllo, ci siete solo voi! 99 volte su 100 può andar bene ma basta distrarsi un attimo per venir derubati
  • portate con voi solo il necessario e possibilmente usate un solo bagaglio: non solo vi potrebbe consentire di spendere meno se viaggiate in aereo ma un bagaglio ingombrante può limitarvi negli spostamenti ed essere di impiccio distogliendo la vostra attenzione da altri zainetti che diventano così una facile preda dei malintenzionati
  • se non potete lasciarlo con voi, utilizzate il deposito bagagli delle stazioni

 

SOLDI

  • il denaro, il passaporto, i biglietti aerei e gli oggetti di valore è meglio non portarli con sè ma metterli in una busta sigillata e firmata nella cassaforte dell’albergo, in una valigia lasciata in camera o in un armadietto se pernottate in un ostello (con voi portate però una fotocopia del passaporto)
  • in giro per una città è meglio avere pochi contanti ed usare la carta di credito
  • non tenete esposti alla vista altrui più a lungo del necessario il denaro contante, carte di credito, portafogli, borse o macchine fotografiche (una delle tecniche più comuni dei borseggiatori è agire in coppia: mentre uno agguanta ad esempio la fotocamera l’altro blocca un braccio e mentre il malcapitato tenta di divincolarsi gli viene rubato il portafoglio..)
  • usate il bancomat solo di giorno e nei luoghi che si ritengono sicuri
  • occhio a quando la vostra carta di credito viene passata 2 volte… è un vecchio trucchetto: la prima volta viene usata per la transazione effettiva e la seconda per fini illeciti

(Foto tratta dall’album di screenpunk su Flckr)

COMPORTAMENTO

  • nei Paesi più a rischio camminate sempre con aria sicura e fate attenzione a quello che vi circonda
  • occhio agli autobus e ai treni della metropolitana affollati! Ed alle autostazioni, gli aeroporti, i mercati, le vie e le piazze dove c’è tanta gente… insieme a quelli più isolati i posti più frequentati sono quelli a maggior rischio di scippo e borseggio
  • girate alla larga dalle zone buie, dalle strade deserte e dai sottopassaggi pedonali specialmente ad una certa ora
  • non lasciate mai oggetti in vista nell’auto parcheggiata
  • in alcuni Paesi come ad esempio in alcune zone del Messico non è consigliabile accettare da bere e da mangiare da sconosciuti che si possono rivelare anche rapinatori o peggio, violentatori
  • non eccedete nel consumo degli alcolici… abbassano la soglia di attenzione! (Altrimenti rischiate di fare la fine dei protagonisti del film “Una notte da leoni” e svegliarvi una mattina senza un dente, o peggio :-D )

 

Infine la precauzione più importante: può sembrare un controsenso dopo questa sfilza di regole… ma la cosa più importante di un viaggio in solitaria è che lo facciate con convinzione e tranquillità. Se partite malvolentieri e con una paura eccessiva allora forse non è quello che fa per voi.