• Pin It

Chi, cosa, quando, dove e perchè fare un viaggio in solitaria?

Quando per il terzo numero è uscito fuori l’argomento viaggio in solitaria devo essere sincero ero contentissimo, amo questo modo di viaggiare e cerco di divulgarlo a più persone possibile e, questa è un’occasione ghiotta da non perdere. Come posso convincerti a viaggiare da solo? Voglio provarci usando la regola delle 5 w che è un modo semplice di scrivere un articolo rispondendo a queste 5 domande: Chi, Cosa, Quando, Dove e Perché.

Un viaggiatore solitario

Foto di ichor

Chi?

Tu e solo tu. Durante un viaggio in solitaria sarai solo. Imparerai a conoscere te stesso e quando lo conoscerai sarai diventato diverso, una persona nuova. Viaggiare da soli non significa conoscere la solitudine, anzi, molto spesso durante un viaggio da soli conoscerete molte persone perché la vostra mente abbatterà le barriere sociali e tenderà a fidarsi di più del prossimo. E poi in fondo conoscerai il tuo miglior compagno di viaggio: te stesso.

Cosa?

Viaggiare. Se stai leggendo questo post e perché ami viaggiare, non sai farne a meno, ma hai difficoltà a trovare un compagno di viaggio e molte spesso hai dovuto rinunciare a visitare una bellissima città. Viaggiando da solo non avrai più questo problema. Solo tu prenderai decisioni, da cosa mangiare a dove dormire. Credimi, ti sentirai il padrone del mondo o semplicemente il padrone di te stesso e del tuo tempo.

Quando?

Sempre. Non credo che ci sia un’età o un periodo perfetto per iniziare a viaggiare da soli. Io l’ho scoperto pochi mesi fa, pur avendo visitato mezzo mondo (scherzo :D si e no ne avrò visto 1/1000 del pianeta terra)  non sono mai riuscito a partire da solo, ho sconfitto la mia paura e ora quando mi capita mi faccio un bel viaggio in solitaria per esempio il 17 Settembre partirò per Salonicco in solitaria. Varcata la soglia iniziale sarà tutto più semplice, che tu abbia 10 anni o sessanta non cambierà nulla.

Tiziano Terzani, un grande viaggiatore solitario

Tiziano Terzani

Dove?

Ovunque. Spesso dai lettori del mio blog mi viene posta questa domanda: Dove posso fare un viaggio da solo? Io per la mia esperienza ho scelto una città piccola, una città ricca di cose da visitare ma soprattutto una città dove ero sicuro che mi capissero. La comunicazione in un viaggio da soli è fondamentale soprattutto la prima volta, ti dà maggiore sicurezza e non avrai paura ad affrontare questo nuovo modo di viaggiare. Scegli con cura la città o il paese che vuoi visitare. Città come Valencia e Siviglia si prestano benissimo a questa tipologia di viaggio, perché sono piccole e piene di cose da vedere, per non parlare della sicurezza di queste città che è invidiabile da quasi mezza Europa. Comunque una volta passata la paura, si possono visitare tutti i luoghi del pianeta in solitaria.

Perché?

Per tanti motivi. Viaggiare soli ti fa scoprire e conoscere meglio te stesso. Ti fa crescere mentalmente e spiritualmente. Perché secondo te la gente intraprende il cammino di Santiago da solo? In primis ci sono i motivi di fede, ma anche per imparare a conoscere meglio sé stessi e intraprendere un viaggio di meditazione. Viaggiare soli ti fa maturare, ti dà fiducia, ti apre gli occhi e ti fa conoscere il mondo in maniera differente. Non nego che l’idea di questo magazine è nata a Valencia durante il mio primo viaggio in solitaria. Mi ha dato la forza e la fiducia di poter prendere le redini della mia vita e cambiarla. Ecco il viaggio in solitaria mi ha regalato tutto questo. Perché allora non provarci?

Viaggiatore solitario

Foto di snappybex

Non  so se ti avrò convinto, sicuramente mi sono autoconvinto a partire nuovamente il più presto possibile! Ah ricorda viaggiare da solo è una pratica molto diffusa in tutto il mondo, in questo momento le strade del pianeta saranno piene di giovani backpackers che sono lì in giro che guardano il mondo con un punto di vista diverso. Non perdere tanto tempo a leggere questo articolo, prendi il tuo zaino e parti in fondo è questa la tua più grande passione! ;)

¡Hasta Luego!