• Pin It

Budapest: mercatini di Natale lowcost

Negli ultimi anni di “viaggi a 99€” ne ho fatti veramente tanti, diciamo che è la mia specializzazione di blogger :)

Tra tutti, ho deciso di parlarvi del viaggio a Budapest che ho fatto a dicembre scorso visto mi sembrava il viaggio ideale,giuseppe zanotti outlet  anche per le tempistiche: in questi giorni, un anno fa, stavo giusto prenotando il volo per questo piccolo break invernale.

Inoltre, se sapete sopportare il freddo, vi assicuro che passare un fine settimana invernale a Budapest, tra mercatini di Natale e terme all’aperto sotto la neve, è un’esperienza davvero indimenticabile.

Volo

Ogni viaggio che si rispetti si organizza partendo dal primo passo: prenotare il volo. Budapest è una città ben collegata con l’Italia grazie a Wizzair, la compagnia lowcost regina dell’est-Europa: ci sono voli giornalieri da Roma, Milano, Napoli, Pisa, Bari, Catania e Forlì.

Ricontrollando sull’e-mail ho verificato che il 21 Ottobre 2010 ho comprato un volo per due persone A/R da Roma a Budapest a 69,96€: a conti fatti ho speso 35€ per il volo, ce ne rimangono 64 per il resto della vacanza :D

easyHotel Oktogon

easyHotel Oktogon

Hotel

Abbiamo risparmiato sul volo, ora bisogna andare a trovare il modo per ridurre i costi per il soggiorno. Spesso, l’hotel è la spesa più alta della vacanza, ma, con un occhio al risparmio, si può trovare una soluzione economica.

La mia proposta, a Budapest, è sicuramente l’easyHotel Oktogon: si tratta di uno degli hotel della catena lowcost easyHotel (la stessa della easyJet). La posizione è abbastanza centrale (il centro si raggiunge facilmente a piedi) e l’hotel è spartano ma pulito e tutte le camere sono dotate di bagno privato. L’unico neo è che le stanze sono veramente piccole, quindi sono ideali per chi pensa di passare fuori tutta la giornata e tornare in hotel solo per dormire :)

E-mail alla mano, sempre il 21 Ottobre 2010, mi sono accaparrato una doppia per 3 notti spendendo 57€ (il conto è semplice, 28,5 euro a testa p mystical-journeys er l’intero soggiorno). Visto che siamo al risparmio, diciamo che per questo viaggio rinunceremo a una giornata e passeremo a Budapest solo 2 notti: spesa totale a testa 19 euro.

A questo punto possiamo ricapitolare: ai 64 euro che ci rimanevano dopo il volo ne togliamo 19 e rimaniamo con 45 euro!

Con questo tesoretto ci godremo Budapest :) (e vi garantisco che ce la faremo!).

Tutto il resto

Abbiamo 45 euro, non sono tantissimi, ma se li gestiamo bene possiamo vedere ugualmente il meglio di Budapest.
Il mio primo suggerimento, sicuramente, è quello di non perdersi le terme. Budapest è una meta termale rinomata da secoli e offre diverse opportunità per tutti i gusti e tutte le tasche.

Bagni Széchenyi

Bagni Széchenyi (foto di rubencdl - Flickr)

Tra le varie terme, io ho scelto di andare alle Széchenyi; è un impianto termale enorme ed ha anche un vantaggio per noi viaggiatori lowcost. Infatti, essendo aperte fino a sera tardi (mi pare fino alle 22) si ha la possibilità di entrare dopo le 19 pagando un biglietto ridotto. Il prezzo, sono onesto, non me lo ricordo, ma dovrebbe essere meno di 2000 fiorini ungheresi (7 euro).

Le terme sono qualcosa di spettacolare, ci sono tre piscine, tutte all’esterno, a temperature diverse. Per spostarvi dall’una all’altra dovete farvi coraggio, uscire dall’acqua e muovervi a passo veloce verso la piscina di destinazione; considerate che è dicembre e il clima non è certo mite. Quando ci sono stato io, mentre ero immerso nell’acqua termale a 37 gradi, nevicava :) e lo spettacolo di vedere la neve sciogliersi in testa valeva da solo il prezzo delle terme. Se volete passare il tempo, portate con voi una scacchiera è fatevi una bella partita a bordo piscina.

Se una sera la passate alle terme, di giorno potete passeggiare tra i mercatini di Natale a sorseggiare vin brulè e a mangiare prodotti tipici. Inoltre, mangiare nei vari chioschi che trovate in giro per le vie intorno a Vörösmarty tér è davvero economico e riuscirete a fare due pranzi con una quindicina di euro.

Per trascorrere le giornate, sempre in ottica risparmio, potrete fare una bella visita guidata all’imponente Parlamento (gratuito per i cittadini UE) e passeggiare nelle zone vicine visitando il famosissimo monumento dedicato agli ebrei uccisi dai nazisti lungo il Danubio.

Bastione dei pescatori

Bastione dei pescatori

Un’altra escursione potete farla al Castello, ma per risparmiarvi i 4 euro della funicolare (siamo con un budget ristretto) vi toccherà farvela a piedi :) . Però, una volta su, la vostra fatica sarà ripagata da una vista spettacolare della città dall’alto del Bastione dei pescatori.

Rimane infine da lasciarvi un suggerimento per le cene…a Liszt Ferenc tér, un piazza pedonale poco lontana dall’easyHotel, troverete tanti locali e ristoranti molto frequentati, ideali per cenare bene (gulasch ottimo :) ) a prezzi contenuti (10 euro a cena). http://www.mystical-journeys.com

A questo punto riepiloghiamo: avevamo 45 euro, a cui dobbiamo togliere 7 euro per le terme, 15 per due pranzi e un po’ di vin brulè e 20 euro per le cene…rimangono 3 euro!
Beh, vorrete comprare almeno un souvenir da portare a casa, o no? :D